Eccomi qui, rientrata da poco da una serata d’altri tempi, rientrata dallo spettacolo “Lo Schiaccianoci” al Teatro alla scala di Milano.
La passione per la danza nasce all’età di 5 anni quando mia mamma decise di portarmi alla prima lezione di danza classica, e da quel giorno è nata una lunga storia d’amore.
La danza mi ha reso come sono oggi, determinata e molto molto quadrata, ahimè all’età di 16 anni, a causa di un brusco litigio ho chiuso con la mia più grande passione, ma la danza sarà per sempre nella mia vita ed è per questo che quando Irene mi ha regalato questa serata alla Scala, beh, potete immaginarmi in quel momento…

Vorrei raccontarvi 5 curiosità sul Teatro alla scala:

  1. Il teatro è stato inaugurato nel 1778, realizzato per decreto di Maria Teresa d’Austria. Perché si chiama cosi? Perché è nato dalle ceneri del Teatro Regio di Villa Reale e dalle macerie della chiesa Santa Maria della Scala.
  2. Chi conosce il Teatro alla Scala saprà dell’esistenza di magnifici palchetti. Ecco, questi palchetti ai quali oggi è possibile accedere come spettatori, erano di proprietà delle singole famiglie ed ognuna di esse poteva addobbarlo con la finalità di evidenziare il proprio status sociale. Dimenticavo, un tempo le tende non erano rosse ma azzurre.
  3. Lo spazio occupato dall’attuale platea, una volta veniva adibito a balli e… anche a gare di equitazione.
  4. Il sontuoso lampadario. Chi è già entrato nel magnifico teatro sa già di cosa parlo. Quel fantastico lampadario che colpisce lo sguardo di ogni spettatore. Curioso sapere che, le sue 400 lampadine non sono incastonate in puro cristallo di Boemia in quanto oltre al cristallo e presente molta plastica al fine di alleggerire il suo peso. Purtroppo non è il lampadario originale ma una ricostruzione a causa dei bombardamenti della seconda guerra mondiale.
  5. Il palchetto numero 13. Se ne avete la possibilità, giocate d’anticipo e scegliete questo palchetto, sicuramente ex proprietà di una famiglia molto curiosa, infatti, esso risulta ricoperto di specchi, per non perdere nessun dettaglio.

    Dopo un po’ di storia vi lascio con alcune foto di questa serata magica, un sogno diventato realtà.

    Dimenticavo, consiglio, se volete vivere al 100% l’esperienza che questo magico teatro offre, scegliete un palchetto verso il centro in modo tale da avere massima visione sul palco e soprattutto non scegliete mai i posti 3-4-5 altrimenti vi troverete ad osservare tutto lo spettacolo stando in piedi.
    Ciao ciao
    Giulia

Febbraio 2nd, 2019|Lifestyle|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat