COME HO PERSO 5KG – MOVIMENTO & CURA DEL CORPO

Eccoci con la seconda parte del “come ho perso 5kg=, dopo la prima parte nella quale ho evidenziato l’importanza dell’alimentazione insieme ad una giusta integrazione eccomi qui a parlare di movimento ed in generale di cura del corpo.

MOVIMENTO
Ahaha, perché inizio con una risata? Perché sono passata dall’essere una ballerina a livello avanzato con 12/13 ore di lezioni alla settimana, ad una studentessa disperata con il sedere a forma di sedia. Voglio essere sincera, non amo la palestra, non amo particolarmente l’ambiente quindi per ora ho optato per un allenamento da fare quando e dove voglio. Viaggio sempre molto e l’idea di fare un abbonamento in palestra e non sfruttarlo sinceramente non mi piace. Sotto consiglio sempre del nutrizionista che è anche personal trainer mi sono fatta dare una tabella di esercizi che personalmente ho mixato abbastanza con l’utilizzo dell’applicazione SWEAT di kayla, ve la consiglio davvero (viene 9,99€ al mese, facendo l’abbonamento annuale ma ne vale veramente la pena).

Ho iniziato così, 3 giorni di allenamenti resistenza mirati a gambe, braccia/addome e total body, e 3 giorni di camminate/pilates (presto vi parlerò meglio anche di questo).
Ogni allenamento “resistenza” dura circa 30 minuti, vi lascio qui qualche spunto e credetemi investendo così poco tempo ho visto un risultato sorprendente, ho scelto un alleato Fitline anche per questo, AMINO (CLICCA QUI  per saperne di più)
Capsule di aminoacidi essenziali, 3 prima dei miei allenamenti e 3 dopo l’allenamento, vi lascio la mia foto dopo, è pazzesca!

Allenamenti gambe: (ripeto circuito 1 – pausa – circuito 2 – pausa e ricomincio)
CIRCUITO 1
10xburpee
20x affondi con salto
24x sollevamento ginocchia
15x squat sumo
CIRCUITO 2
100x salti con la corda
24x affondi in camminata
30x sollevamento ginocchia + affondi inversi
15x squat con salto
Allenamenti braccia e addome:

CIRCUITO 1
15x squat più spinta braccia
15x piegamento tricitipiti
12x flessioni commando
20x addominali jackknife a gambe tese
CIRCUITO 2
20x sit up a gambe piegate
15x passo dello scalatore (4) + flessione
15x sollevamento gambe tese
15x flessioni da terra

Ripeto, questi sono alcuni esempi, ma vi consiglio di scaricare l’applicazione SWEAT o di cercare su Youtube alcuni allenamenti 7 min che sono molto d’ispirazione.
Vi svelo anche questo piccolo segreto, la foto che vedete qui del mio cambiamento risale a più di un anno fa, periodo nel quale mi ero messa con molta costanza dietro ad alimentazione, integrazione e movimento. Ormai, mentre vi scrivo questo post, è da 6 settimane che ho ricominciato ad allenarmi con costanza, il lunedi, il mercoledi ed il venerdi con gli allenamenti di resistenza ma ho iniziato a saltare le giornate cardio con allenamenti LISS (a bassa intensità) e HIT (Ad alta intensità).
Effettivamente guardandomi allo specchio sto notando cambiamenti più lenti rispetto ad un anno fa, dal momento che sto facendo tutto uguale eccetto gli allenamenti cardio, è proprio a loro che ho dato la colpa quindi da oggi seriamente la mia tabella di marcia sarà questa, salvo viaggi o impegni di vitale importanza:

  • Lunedi allenamento gambe
  • Martedi LISS o HIT
  • Mercoledi allenamento braccia e addome
  • Giovedi LISS o HIT
  • Venerdi allenamento total body oppure pilates

E vi prometto che vi terrò aggiornate !

Concludo parlando della cura del corpo, ritengo che in ogni cosa più ci prestiamo attenzione e più il risultato arriva.
La perdita di peso a mio avviso non deve essere vissuta come una corsa alla forma estetica perfetta ma deve essere una “passeggiata” verso lo stare bene nel proprio corpo, per sentirsi a proprio agio, per sentirsi come mai prima di quel momento.
Ho deciso di associare alcuni trattamenti dall’estetista per rilassarmi, per rilassare il mio corpo e per lavorare su quei difettucci fastidiosi, donne so che mi capirete.
Per ora ho sempre prediletto trattamenti manuali evitando i macchinari in quanto sotto molti punti di vista li ritengo meno invasivi e credetemi, un buon massaggio manuale mirato a drenare o tonificare è un vero toccasana per il nostro fisico. Ritagliatevi almeno 1 ora alla settimana per prendervi cura di voi in un salone estetica fidato e poi, io personalmente considero il sabato-domenica giornate perfette per un vero e proprio restyling, maschere per i capelli, maschera viso, impacchi alle gambe e molto altro ma presto ve ne parlerò.
Spero che questo post possa essere da spunto ad alcune di voi, spero che vi possa aiutare e ricordatevi, affidatevi a dei professionisti e soprattutto ancora più importante, non serve fare le cose di corsa, non serve affrettare il proprio corpo, step by step, con costanza e perseveranza i risultati arriveranno. E non dimenticate, per consigli sui prodotti Fitline non esitate a contattarmi su Whatsapp +39 3290071836
Ciao Ciao
Giulia

Febbraio 20th, 2019|Lifestyle|

SNEAKERS MANIA

Febbraio 2019, si sta concludendo la settimana della moda newyorkese e si inizia a tirare le prime somme. Oggi vorrei parlarvi di sneakers ebbene si, le tanto amate “scarpe da ginnastica” che ormai si stanno imponendo nel panorama della moda come un passepartout da tutti i giorni.
Gia dal 2018 abbiamo visto comparire sneakers meno minimal, le classiche di pelle bianche, e più grintose. Suole molto alte e dai molteplici colori.

Bella Hadid, Kendall Jenner e la stessa Emily Ratajkowski sono alcune delle fan, le vediamo indossate con la tuta da ginnastica, con la gonna, con un completo etc.
Ecco che inizia a venire meno l’idea per la quale “comodità= vestita male”
Nelle prime foto 2019, compaiono adidas e Nike, insieme a nome di alcune maison come Balenciaga, Gucci, Louis Vuitton o Fendi, look un po’ ortopedici ma perfette per un look molto street.
Personalmente amo abbinarli in ogni modo, dai look più casual, ai vestitini, fino alle tute da ginnastica, sono un vero jolly da avere nell’armadio.

Ovviamente non sono riuscite a resistere a questa sneakers mania infatti, l’anno scorso le vittime sono state le TRIPLE S di Balenciaga, così tanto amate da tanti (me compresa) e cosi odiate da molti altri, e quest’anno le archlight Louis Vuitton.
Dopo mesi e mesi in lista d’attesa per riuscire ad averle, d’improvviso sono comparse disponibili in molti store ed online quindi se le stavate cercando, correte prima che finiscano nuovamente.
Sono appena usciti nuovi modelli, mixati alla nuova tendenza, il FLUO, e proprio per questo il modello prescelto ha inserti fluo.
Vi lascio qui qualche foto e ci vediamo al prossimo post.

Ciao ciao
Giulia

Febbraio 15th, 2019|Lifestyle|

COME HO PERSO 5KG – ALIMENTAZIONE & INTEGRAZIONE

Come ho perso 5kg - alimentazione & integrazione

Ciao a tutti! Bentornati con un nuovo post oggi vi vorrei raccontare la mia personale testimonianza per la perdita di peso o meglio, per tornare in forma.
Premetto che non ho mai avuto grossi problemi di peso per ora, ma ogni tanto, qualche dolcetto in più, qualche aperitivo in più mi hanno portato fuori forma ed ecco come ho ripreso in mano la situazione.
Prima cosa credo che non ci siano segreti ma forse una formula magica si:
INTEGRAZIONE + ALIMENTAZIONE + MOVIMENTO + CURA DEL PROPRIO CORPO

Andiamo con ordine, partiamo dall’integrazione che come ormai ben saprete, è proprio il mio settore.
Mi sono avvicinata a Fitline per trovare qualcosa che mi desse più energia ma provando l’OPTIMAL SET (CLICCA QUI per scoprirlo) ho scoperto che c’era molto di più.
Optimal set personalmente mi ha aiutato moltissimo a livello di energia ma ancora di più a livello di intestino, premetto che non ho mai avuto grossi problemi, sono sempre andata in bagno regolarmente ma un conto è andare in bagno con regolarità ed un altro è sentirsi sempre con l’addome piatto e “leggera”.
Quindi quando mi sono trovata a dover perdere quei 4-5kg di troppo, prima cosa, ho iniziato ad usare con costanza l’Optimal set, come?

  • Alla mattina POWERCOCKTAIL e poi la mia colazione, di cui parleremo dopo
  • Durante il giorno un po’ di ACTIVIZE quando mi sentivo un po’ stanca e quando mangiavo un po’ di più
  • Alla sera prima di andare a dormire RESTORATE come ninna nanna

Insieme all’optimal set, per i primi 14 giorni ho associato il Detox di Fitline, per eliminare tutte le tossine nel mio corpo perché non si può pensare di “lavorare” su un “corpo sporco”.
Vorrei sottolineare che DDRINK (CLICCA QUI per saperne di più )*  non ha un gusto eccezionale, anzi, ma ne vale veramente la pena. Il risultato che ho notato io è stato soprattutto a livello di addome e pelle, viso molto più luminoso, molti meno brufoli e poi toccando la pancia sentivo ogni singolo muscolo dell’addome, una sensazione fantastica.
Ultimo ma non per importanza, ho iniziato con costanza CC CEL SET, composto dalle capsule e dalla lozione (CLICCA QUI per saperne di più)
Premetto che non ho mai avuto tanta cellulite ma piuttosto un po’ di ritenzione idrica, causata molto da cicli con pillola anticoncezionale e sbalzi ormonali che ne derivano. Quindi ho iniziato con 2 capsule al giorno alla mattina dopo il mio Powercocktail, con 2 bei bicchieroni d’acqua e 2 applicazioni al giorno di lozione.

Passiamo all’ALIMENTAZIONE

Sarò sincera con voi, ho 22 anni, ritengo che già con una buona alimentazione a quest’età si possano ottenere fantastici risultati quindi ho deciso di affidarmi ad un nutrizionista di Milano che mi ha insegnato a mangiare. Non condividerò qui il mio piano alimentare in quanto ritengo che sia una cosa troppo personale e soprattutto non vorrei spingere nessuno di voi a seguire la mia alimentazione dato che essendo personalizzata sicuramente non andrebbe bene per tutti. Il nutrizionista mi ha consigliato assolutamente l’utilizzo di integratori ed ecco qui il binomio perfetto con Fitline.
Per darvi alcune linee generali, ma se mi seguite su Instagram @giuli_romanelli potete scoprire tutto day by day:

  • COLAZIONE: POWERCOCKTAIL + yogurt vegetale (preparato in casa con preparato Fitline e yogurtiera Fitline, clicca qui ) + frutta fresca e frutta secca + the verde con mezzo limone
  • PRANZO:
    • Alterno giornate con insalatone con verdure abbondanti + proteine + cracker privi di glutine o gallette di riso;
    • Giornate con pasta/riso/Farro con verdure e legumi;
    • Giorni con patate + carne rossa/pesce
  • SPUNTINO: tisana al finocchio + frutta fresca ed opzionale anche frutta secca/cioccolato fondente nei giorni di allenamento
  • CENA:
    • Hamburger vegetale/pesce bianco/Carne bianca + verdure
    • Una sera libera con pizza
  • PRIMA DI DORMIRE: RESTORATE

Vorrei ribadire che questo è stato il piano studiato su di me quindi non vuole essere un invito a seguirlo ma magari a prenderne spunto ed ancora meglio se spunto per consultare direttamente anche voi un nutrizionista.
Per oggi concludo qui e ci vediamo nel prossimo articolo per parlare di MOVIMENTO E CURA DEL CORPO.
Ciao ciao
Giulia

Febbraio 10th, 2019|Lifestyle|

5 curiosità sul Teatro più famoso d’Italia: Teatro Alla Scala

Eccomi qui, rientrata da poco da una serata d’altri tempi, rientrata dallo spettacolo “Lo Schiaccianoci” al Teatro alla scala di Milano.
La passione per la danza nasce all’età di 5 anni quando mia mamma decise di portarmi alla prima lezione di danza classica, e da quel giorno è nata una lunga storia d’amore.
La danza mi ha reso come sono oggi, determinata e molto molto quadrata, ahimè all’età di 16 anni, a causa di un brusco litigio ho chiuso con la mia più grande passione, ma la danza sarà per sempre nella mia vita ed è per questo che quando Irene mi ha regalato questa serata alla Scala, beh, potete immaginarmi in quel momento…

Vorrei raccontarvi 5 curiosità sul Teatro alla scala:

  1. Il teatro è stato inaugurato nel 1778, realizzato per decreto di Maria Teresa d’Austria. Perché si chiama cosi? Perché è nato dalle ceneri del Teatro Regio di Villa Reale e dalle macerie della chiesa Santa Maria della Scala.
  2. Chi conosce il Teatro alla Scala saprà dell’esistenza di magnifici palchetti. Ecco, questi palchetti ai quali oggi è possibile accedere come spettatori, erano di proprietà delle singole famiglie ed ognuna di esse poteva addobbarlo con la finalità di evidenziare il proprio status sociale. Dimenticavo, un tempo le tende non erano rosse ma azzurre.
  3. Lo spazio occupato dall’attuale platea, una volta veniva adibito a balli e… anche a gare di equitazione.
  4. Il sontuoso lampadario. Chi è già entrato nel magnifico teatro sa già di cosa parlo. Quel fantastico lampadario che colpisce lo sguardo di ogni spettatore. Curioso sapere che, le sue 400 lampadine non sono incastonate in puro cristallo di Boemia in quanto oltre al cristallo e presente molta plastica al fine di alleggerire il suo peso. Purtroppo non è il lampadario originale ma una ricostruzione a causa dei bombardamenti della seconda guerra mondiale.
  5. Il palchetto numero 13. Se ne avete la possibilità, giocate d’anticipo e scegliete questo palchetto, sicuramente ex proprietà di una famiglia molto curiosa, infatti, esso risulta ricoperto di specchi, per non perdere nessun dettaglio.

    Dopo un po’ di storia vi lascio con alcune foto di questa serata magica, un sogno diventato realtà.

    Dimenticavo, consiglio, se volete vivere al 100% l’esperienza che questo magico teatro offre, scegliete un palchetto verso il centro in modo tale da avere massima visione sul palco e soprattutto non scegliete mai i posti 3-4-5 altrimenti vi troverete ad osservare tutto lo spettacolo stando in piedi.
    Ciao ciao
    Giulia

Febbraio 2nd, 2019|Lifestyle|

La mia laurea

Finalmente il giorno tanto atteso è arrivato, la laurea tanto bramata è qui! Oggi 24 Novembre 2018 posso ufficialmente essere chiama “DOTTORESSA IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT”.

È dal settembre 2015 o forse anche da prima che sogno questo momento e finalmente è arrivato.

Oggi si conclude il mio percorso all’Università Bocconi, prima di raccontarvi come abbiamo festeggiato vorrei fare un tuffo nel passato.
Esattamente a Marzo 2015 è arrivata l’email d’ammissione all’università tanto sognato, Università Bocconi di Milano, da li un mix di emozioni mi hanno portato ad iniziare questo percorso a Settembre.
È stato un percorso molto affascinante, con alti e bassi come ogni percorso, a parer mio, ma sono stati veramente 3 anni indimenticabili.
In questi 3 anni sono stata studentessa ed allo stesso tempo lavoratrice, per l’azienda tedesca Pm-International, le mie giornate erano suddivise alla perfezione, organizzavo ogni giorno almeno 1 settimana prima. Devo dirlo, sono veramente orgogliosa di questi 3 anni e soprattutto orgogliosa di come io sia riuscita ad organizzare tutto.
Questi 3 anni però sono terminati, è arrivato il momento di scegliere ed ho scelto di interrompere i miei studi per dedicarmi completamente al mio lavoro, ma.. chi lo sa, la porta non è chiusa, magari un domani tornerò sui libri.
Tornando alla tanto bramata laurea, finalmente il 24 Novembre 2018 la proclamazione tanto attesa.

Come funziona la laurea all’Università Bocconi?

Raggiunti i 180 crediti richiesti per la laurea triennale si procede alla ricerca del Professore che ti accompagnerà nella stesura del lavoro finale, e qui inizia la disavventura…
Siamo a Dicembre 2017, con tanto anticipo decido di cercare la Prof.ssa, a mio parere, perfetta per l’argomento della mia tesi, Prof.ssa con la quale non ho mai studiato e soprattutto Prof.ssa che non conosco se non per i suoi testi.
Mi accordo con la Prof.ssa per la stesura della mia tesi, si tratta di un’analisi approfondita sul Network Marketing ma soprattutto sull’impatto che i social media hanno su questo canale di distribuzione, e fin qui tutto benissimo.
Da Gennaio a Maggio passo la mia vita sui libri per preparare tutti gli esami e soprattutto per passarli con buoni voti al primo colpo perché volevo assolutamente laurearmi alla prima data disponibile ovvero l’appello di Luglio che, in Bocconi significa, “consegni la tesi a Giugno, saprai il voto a Luglio e ti laureerai a Settembre” WOW!

Da maggio inizio la stesura della mia tesi per poi consegnarla a Giugno, e li iniziano i problemi, continue revisioni della tesi, continuano a sorgere nuovi problemi ma… dopo nottate passate a leggere libri e scrivere scrivere scrivere… arriviamo al momento dell’invio della tesi ed aspettiamo la conferma definitiva ma ormai la diamo per scontata dato le revisioni fatte passo dopo passo…

Ma ho capito che non bisogna dare nulla per scontato… ebbene si il giorno prima della consegna della tesi arriva un bel “LA SUA TESI E’ INAMMISSIBILE, UN CARO SALUTO”  ed ogni pensiero crolla, ed il mio bel castello sprofonda.
Lacrime, nervoso e tutto questo succede mentre sto per decollare per un viaggio di lavoro in Germania, ormai non potevo più fare nulla, la mia laurea a Settembre, tanto desiderata ed organizzata è saltata. Dopo 3 anni, dopo più di 30 esami passati tutti al primo appello (Eccetto 1, tanto odiato PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO), non mi potrò laureare alla prima data, non mi potrò laureare con le mie amiche e poi… mi dovrò laureare al freddo.
Torno a casa dalla Germania e mi metto alla ricerca di un nuovo Professore ma ovviamente sono tutti pieni, finalmente riesco a trovare (a metà luglio) la Professoressa che, facendomi un enorme favore decide di accogliere la mia tesi, da notare… SENZA ALCUNA GROSSA MODIFICA.
Finalmente vedo la laurea concretizzarsi e… arriva Agosto, non ricevo più alcuna conferma, il processo di tesi in Bocconi è complicatissimo, servono 7 step prima di essere sicura di potersi laureare… La data di scadenza è il 6 settembre e quando ricevo conferma di tutto? Il 6 settembre alle ore 11:00
Dopo quest’Odissea finalmente posso rilassarmi, o forse no… bisogna aspettare che la tesi passi l’antiplagio che utilizza l’Università Bocconi per accertarsi che non sia stata copiata… arriva anche quella conferma e finalmente MI LAUREO!
24 Novembre, parto da Borgosesia con direzione Milano, parrucchiera e poi via con i preparativi. Sono amante della moda e per questo grande giorno ho scelto un completo rosso GUCCI, ne sono innamorata.

Una domanda al vertice della classifica delle domande nei mesi precedenti alla mia laurea è stata: “Come ti vesti alla tua laurea essendo nel mese di Novembre?”

Consigli:

  • Tailleur giacca e pantalone, magari con pantalone a zampa con una decollete
  • Tailleur giacca e gonna (Come me), con collant nero coprente e magari camicietta bianca con fiocco molto in stile Gucci (Se ne trovano molte economiche da Zara e Mango)
  • Non sono molto pro vestitini durante la laurea, ovviamente mia idea personale

Ore 16:45 la proclamazione, so già il voto, le 3 cifre che ho tanto sognato sono qui, un bel 100 tondo tondo, ma ho comunque i brividi, sento chiamare il mio nome e mi rivedo tutti questi 3 anni davanti e mi sento FELICE.
17:45 termina la proclamazione, classicissima oretta di fotografie e poi si festeggia! Per l’occasione ho scelto il locale “FONDERIE MILANESI” se vi laureate in Bocconi ve lo consiglio soprattutto per la posizone strategica, nessuno deve spostare la macchina, PERFETTO!
Aperitivo cenoiro, amici, musica, papiro di laurea e tante tante risate.
Non serve sottolinearlo forse ma i festeggiamenti sono durati ancora per una settimana, con amici, famigliari etc etc…
È stato un giorno indimenticabile e vorrei ringraziare la mia famiglia, Marco, la sua famiglia, le mie migliori amiche, tutti gli amici di famiglia, tutti i miei colleghi ed ogni persona che ha condiviso con me questi 3 anni.
È stato un giorno WOW e se state leggendo questo post e vi siete già laureate, come avete festeggiato il vostro giorno? E se non vi siete ancora laureate, come vi piacerebbe festeggiare?
Ciao ciao!!
Giulia

Dicembre 25th, 2018|Lifestyle|

Vi racconto un po’ di me

Eccomi qui finalmente il primo post nel MIO blog, non mi sembra vero di leggere veramente questa parola. E’ da circa 2 anni che giro attorno all’idea di buttarmi online per aprirmi maggiormente ma solo ora è giunto il momento e quindi, bando alle ciance e vorrei raccontarvi un po’ di me.
Nata nel 1996, figlia unica purtroppo o per fortuna perché l’amore della mia famiglia è sempre stato tutto e solo per me, da genitori semplici ma con molti valori sui quali assolutamente non transigo, fin da bambina non mi è mai mancato nulla, sono sempre stata accontentata anche se non con poche difficoltà da parte della mia famiglia.
In casa mi è stata insegnata l’educazione, i modi di fare, il rispetto, ma soprattutto mi è stato donato tanto tanto amore e non smetterò mai di ringraziare i miei genitori perché se sono come sono è solo grazie a loro.
Come vi immaginate Baby Giulia?


Bionda, occhi scurissimi ed abbastanza magrolina, amante della scuola forse anche un po’ troppo e soprattutto innamorata della danza. All’età di 5 anni dove poteva portarmi la mamma, ex ballerina, se non in un’aula di danza? Da li è iniziato un amore grandissimo durato ben 12 anni, l’aula di danza è sempre stata per me amore e odio, sacrifico sudore stanchezza ma soprattutto felicità e tanta tanta passione.
Le mie giornate si dividevano tra scuola e danza, non ho mai avuto molte amiche forse per la mia troppa determinazione nel raggiungere i miei obiettivi fino al punto di dimenticarmi un po’ del resto, ma mi sentivo bene cosi, perché quando hai dei sogni fai di tutto per raggiungerli.
Sono stati 12 anni in punta di piedi ed in particolare dai 10 ai 14 anni le mie giornate erano veramente vissute in quell’aula di specchi con il parquet scricchiolante, 10-12 ore a settimana di lezione ma ero felice, ero la persona più felice del mondo.
Intorno ai 15 anni una lite furiosa ed il mix di molte cose mi hanno portato a mollare tutto da un momento all’altro, in maniera rabbiosa fino al punto di gettare gran parte dei ricordi degli anni passati in quella tanto amata aula, e su questo non vorrei dilungarmi troppo perché è uno dei più grandi rimpianti che avrò per tutta la vita.
La danza mi ha dato tanto, mi ha portato ad un passo dal portone di grandi accademie della danza, mi ha reso come sono oggi, determinata e molto molto quadrata ma la strada probabilmente era un’altra ed io credo nel destino ma di questo non vi parlerò oggi…

Novembre 12th, 2018|Lifestyle|
WhatsApp chat