Eccomi qui finalmente il primo post nel MIO blog, non mi sembra vero di leggere veramente questa parola. E’ da circa 2 anni che giro attorno all’idea di buttarmi online per aprirmi maggiormente ma solo ora è giunto il momento e quindi, bando alle ciance e vorrei raccontarvi un po’ di me.
Nata nel 1996, figlia unica purtroppo o per fortuna perché l’amore della mia famiglia è sempre stato tutto e solo per me, da genitori semplici ma con molti valori sui quali assolutamente non transigo, fin da bambina non mi è mai mancato nulla, sono sempre stata accontentata anche se non con poche difficoltà da parte della mia famiglia.
In casa mi è stata insegnata l’educazione, i modi di fare, il rispetto, ma soprattutto mi è stato donato tanto tanto amore e non smetterò mai di ringraziare i miei genitori perché se sono come sono è solo grazie a loro.
Come vi immaginate Baby Giulia?


Bionda, occhi scurissimi ed abbastanza magrolina, amante della scuola forse anche un po’ troppo e soprattutto innamorata della danza. All’età di 5 anni dove poteva portarmi la mamma, ex ballerina, se non in un’aula di danza? Da li è iniziato un amore grandissimo durato ben 12 anni, l’aula di danza è sempre stata per me amore e odio, sacrifico sudore stanchezza ma soprattutto felicità e tanta tanta passione.
Le mie giornate si dividevano tra scuola e danza, non ho mai avuto molte amiche forse per la mia troppa determinazione nel raggiungere i miei obiettivi fino al punto di dimenticarmi un po’ del resto, ma mi sentivo bene cosi, perché quando hai dei sogni fai di tutto per raggiungerli.
Sono stati 12 anni in punta di piedi ed in particolare dai 10 ai 14 anni le mie giornate erano veramente vissute in quell’aula di specchi con il parquet scricchiolante, 10-12 ore a settimana di lezione ma ero felice, ero la persona più felice del mondo.
Intorno ai 15 anni una lite furiosa ed il mix di molte cose mi hanno portato a mollare tutto da un momento all’altro, in maniera rabbiosa fino al punto di gettare gran parte dei ricordi degli anni passati in quella tanto amata aula, e su questo non vorrei dilungarmi troppo perché è uno dei più grandi rimpianti che avrò per tutta la vita.
La danza mi ha dato tanto, mi ha portato ad un passo dal portone di grandi accademie della danza, mi ha reso come sono oggi, determinata e molto molto quadrata ma la strada probabilmente era un’altra ed io credo nel destino ma di questo non vi parlerò oggi…

Novembre 12th, 2018|Lifestyle|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat